Piazza Indipendenza: idranti della Polizia contro Immigranti, disabili, donne e rifugiati

Piazza Indipendenza: idranti della Polizia contro Immigranti, disabili, donne e rifugiati

Il brutale intervento con gli idranti contro delle persone appena sgomberate rappresenta una vergogna per il nostro Paese e per la città di Roma. Si è trattato di una brutale sospensione del senso di umanità e del rispetto della dignità umana che il Roma Pride vuole condannare con fermezza. 
Già nel documento politico del Pride avevamo messo nero su bianco la necessità di andare oltre le attuali politiche di sgombero e di respingimento fisico, strumenti che lasciano inalterati i bisogni e le esigenze di larga parte della popolazione che sempre più si sente abbandonata dalle istituzioni e dalla propria comunità. Dopo 4 anni di richieste rimaste inascoltate, le istituzioni non possono intervenire solo con la violenza contro esseri umani indifesi.
Ecco il passaggio del documento politico del Roma Pride 2017:
”Una rinnovata coscienza civile sembra poter incarnare il desiderio di difesa delle nostre società come comunità aperte alla diversità. In queste resistenze il movimento LGBTQI assume ovunque un ruolo centrale; pionieri della difesa di chi non ha voce, tocca a noi continuare la battaglia di liberazione di tutti quelli che sono ancora prigionieri.
Per questo il Roma Pride ha deciso di mettere al centro le persone, i corpi, le individualità che vanno difese andando oltre tutti i confini, siano essi fisici, psicologici o geografici. Sosteniamo la lotta di migranti, rifugiate e rifugiati e chiediamo, tra l’altro, servizi di assistenza e di mediazione per quei soggetti che rischiano l’esclusione dalla loro comunità di origine in caso si dichiarassero omosessuali.”

Video: Fonte RomaToday

Contenuti correlati

Protetto: Settimana Romana Contro L’Omotransfobia

Non è disponibile alcun riassunto in quanto si tratta di un articolo protetto.

Famiglie LGBT, nuovo studio conferma: “Nessuna differenza con le coppie eterosessuali”

Uno studio appena pubblicato sul Journal of Developmental and Behavioral Pediatrics ribadisce quello che molti altri studi negli ultimi anni hanno già provato: non ci sono differenze nelle salute mentale ed emotiva dei bambini cresciuti da coppie omosessuali rispetto a quelli cresciuti da coppie eterosessuali.

Family Day, l’Agedo scrive una lettera aperta ai genitori: “Anche i vostri figli potrebbero essere gay. Non fateli soffrire”

I membri di Agedo, l’associazione genitori di omosessuali, hanno scritto una lettera aperta alle madri e ai padri che parteciperanno al Family Day.

0 commenti

Nessun commento.

Scrivi per primo un commento!