GENDER REVOLUTION: RIBALTIAMO TUTTO… E TUTT*!

GENDER REVOLUTION: RIBALTIAMO TUTTO… E TUTT*!

Anche quest’anno si parte con l’Onda Pride!

Nei prossimi mesi, un’ondata di manifestazioni travolgerà il nostro Paese con la propria gioia e irriverenza; migliaia di colori invaderanno decine e decine di città da Nord a Sud, portando avanti rivendicazioni importanti e radicali non solo per il mondo LGBTQIA+, ma per tutta la società.

Sono anni fondamentali per i diritti del mondo LGBTQIA+, anni di riconoscimento giuridico e sociale, anni in cui si inizia a parlare di queste tematiche anche sui media mainstream, nonostante continuino gli attacchi da più parti. In tutto il mondo, la questione del mondo gay, lesbico, bisex, trans, queer, intersex e asessuale emerge con tutta la propria forza dirompente, dimostrando spesso di mettere in crisi, sotto molteplici aspetti, la società a cui abbiamo dato vita con i suoi modelli economici, sociali, politici, ambientali.

Per questo motivo, lanciamo la nostra Gender Revolution, un modo nuovo di partecipare ai diversi Pride che attraverseranno il Paese come studentesse e studenti e un tentativo (a puntate!), da parte nostra, di costruire una riflessione approfondita, complessa e articolata sul mondo che cambia e su come le tematiche LGBTQIA+ possano diventare la base per costruire una società differente.  SEGUE LINK

 

Contenuti correlati

Approvati i tre decreti attuativi della legge sulle Unioni Civili.

Finalmente sono arrivati al traguardo i decreti attuativi sulle Unioni Civili che chiudono il cerchio della legge e del suo inserimento a pieno titolo nell’ordinamento legislativo italiano. Mario Colamarino, Presidente

Sì, lo voglio: la campagna a favore delle Unioni Civili – Video

La campagna online Sì, lo voglio con la partecipazione di molti attori, cantanti e personaggi famosi italiani.

Il video del Triangolo Silenzioso per il Roma Pride 2016

“Particolare attenzione va riservata alle persone che per proprie caratteristiche e per condizioni di salute o sociali subiscono pluridiscriminazioni e più di altre rischiano di essere marginalizzate ed escluse. Chiediamo

0 commenti

Nessun commento.

Scrivi per primo un commento!