Fiaccolata in ricordo degli stermini dimenticati sabato 28 gennaio

Fiaccolata in ricordo degli stermini dimenticati sabato 28 gennaio

28 Gennaio 2017 –  per la Giornata della Memoria

Fiaccolata in ricordo degli stermini dimenticati e per l’integrazione della Legge 211 con gli stermini dimenticati dei RTom/Sinti, degli omosessuali, dei disabili.

Il Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli, l’Opera Nomadi e L’Agenzia per la Vita Indipendente anche quest’anno organizzano la Giornata della Memoria in ricordo degli  „stermini dimenticati“ del „Porrajmos“ dei Rom e Sinti, dell’eccidio degli omosessuali e delle persone disabili che perirono insieme ai fratelli ebrei  nello sterminio nazifascista.

Sabato 28 gennaio è stata organizzata la consueta fiaccolata che partirà alle ore 18.00 da Piazza dell’Esquilino e terminerà in Via degli Zingari intorno alle ore 19.30 per la tradizionale deposizione della corona di alloro sulla lapide apposta qualche anno fa e che rappresenta per la città di Roma l’unico simbolo per serbare il ricordo dei numerosi fratelli Rom vittime del tragico massacro.

Alla fine del corteo gli interventi delle autorità istituzionali presenti, delle Associazioni organizzatrici e dell’Anpi che ha aderito alla fiaccolata. Per il Comune di Roma parteciperà, delegata dalla Sindaca Virginia Raggi,  la Presidente della Commissione Assembleare delle Elette, On.le Gemma Guerrini. Saranno presenti inoltre il Coro Gelem Gelem dei bambini Rom Khorakhanè di Vicolo Salvi, le Comunità Sinti di Roma nell’ambito del Progetto Memoir della Comunità  Europea, il Senatore Massimo Cervellini (primo firmatario della proposta di Integrazione Legge 211) e il deputato croato Veljko Kajtazi che ricorderà i 18000 Rom ed i 13000 Ebrei sterminati nel Campo di Jasenovac.

 

Contenuti correlati

Family Day, l’Agedo scrive una lettera aperta ai genitori: “Anche i vostri figli potrebbero essere gay. Non fateli soffrire”

I membri di Agedo, l’associazione genitori di omosessuali, hanno scritto una lettera aperta alle madri e ai padri che parteciperanno al Family Day.

Istanbul, il Gay Pride sfida il governo: scontri e arresti. Proiettili di gomma contro il corteo

Dieci persone sono state arrestate a Istanbul, a piazza Taksim, dove la comunità Lgbt turca aveva organizzato il Gay Pride nonostante il divieto imposto dalle autorità “per ragioni di sicurezza”.

Corte Costituzionale del Perù riconosce matrimoni gay celebrati all’estero

I matrimoni tra le persone dello stesso sesso contratti all’estero devono essere riconosciuti dallo stato del Perù. La settima Corte Costituzionale di Lima è quanto ha stabilito, in una causa che

0 commenti

Nessun commento.

Scrivi per primo un commento!