Le Famiglie Arcobaleno vincono ancora. Adesso il matrimonio egualitario per tutte e tutti.

Le Famiglie Arcobaleno vincono ancora. Adesso il matrimonio egualitario per tutte e tutti.

Le Famiglie Arcobaleno vincono ancora. Adesso il matrimonio egualitario per tutte e tutti.

La Cassazione sentenzia a favore delle trascrizione del matrimonio tra persone dello stesso sesso che si sono sposate in un Paese della UE. Una sentenza storica, destinata a fare giurisprudenza: la Cassazione ha infatti decretato che l’Italia non può togliere e quindi disconoscere un diritto che un Paese della Ue riconosce ai propri cittadini.

Ed è questo il caso di Giuseppina La Delfa, una delle fondatrici di Famiglie Arcobaleno, sposata in Francia con sua moglie e che vede adesso, dopo anni di battaglie legali, il suo matrimonio riconosciuto anche in Italia.

“Per prima cosa ringraziamo Giuseppina La Delfa, coraggiosa compagna di tante lotte per la comunità lgbtqi – afferma Mario ColamarinoPresidente del Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli. Un traguardo raggiunto con sacrificio e tante lotte merita un  augurio speciale da parte di tutte e tutti noi. Certo, adesso ci troviamo nella bizzarra situazione che  Giuseppina e sua moglie, in quanto straniere residenti in Italia, hanno più diritti delle coppie italiane. Un paradosso che potrà essere abbattutto solo con il pieno riconoscimento del matrimonio egualitario, un obbiettivo che la nostra comunità ha nel proprio dna e che perseguiremo con tenacia.

Contenuti correlati

Roma, manifestazione a Piazza del Popolo per le unioni civili

Si è svolta a Roma, a Piazza del Popolo, una manifestazione indetta dalle organizzazioni lgbt per chiedere “pari diritti” a gay e lesbiche.

Unioni civili, migliaia in piazza per Svegliati Italia #svegliatItalia

Mobilitazione in cento piazze in Italia a favore dei diritti del mondo lgbt, lanciata da Arcigay, ArciLesbica, Agedo, Famiglie Arcobaleno e Mit in occasione dell’inizio della discussione al Senato del ddl sulle unioni civili.

Corte Costituzionale del Perù riconosce matrimoni gay celebrati all’estero

I matrimoni tra le persone dello stesso sesso contratti all’estero devono essere riconosciuti dallo stato del Perù. La settima Corte Costituzionale di Lima è quanto ha stabilito, in una causa che

0 commenti

Nessun commento.

Scrivi per primo un commento!