Le Famiglie Arcobaleno vincono ancora. Adesso il matrimonio egualitario per tutte e tutti.

Le Famiglie Arcobaleno vincono ancora. Adesso il matrimonio egualitario per tutte e tutti.

Le Famiglie Arcobaleno vincono ancora. Adesso il matrimonio egualitario per tutte e tutti.

La Cassazione sentenzia a favore delle trascrizione del matrimonio tra persone dello stesso sesso che si sono sposate in un Paese della UE. Una sentenza storica, destinata a fare giurisprudenza: la Cassazione ha infatti decretato che l’Italia non può togliere e quindi disconoscere un diritto che un Paese della Ue riconosce ai propri cittadini.

Ed è questo il caso di Giuseppina La Delfa, una delle fondatrici di Famiglie Arcobaleno, sposata in Francia con sua moglie e che vede adesso, dopo anni di battaglie legali, il suo matrimonio riconosciuto anche in Italia.

“Per prima cosa ringraziamo Giuseppina La Delfa, coraggiosa compagna di tante lotte per la comunità lgbtqi – afferma Mario ColamarinoPresidente del Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli. Un traguardo raggiunto con sacrificio e tante lotte merita un  augurio speciale da parte di tutte e tutti noi. Certo, adesso ci troviamo nella bizzarra situazione che  Giuseppina e sua moglie, in quanto straniere residenti in Italia, hanno più diritti delle coppie italiane. Un paradosso che potrà essere abbattutto solo con il pieno riconoscimento del matrimonio egualitario, un obbiettivo che la nostra comunità ha nel proprio dna e che perseguiremo con tenacia.

Contenuti correlati

Consegnava firme contro persecuzioni gay in Cecenia, attivista italiano fermato e rilasciato a Mosca

Yuri Guaiana, membro dell’associazione radicale ‘Certi Diritti’, è stato fermato dalla polizia a Mosca insieme a quattro attivisti russi, mentre andava alla procura generale per consegnare le firme raccolte dalla

Famiglie LGBT, nuovo studio conferma: “Nessuna differenza con le coppie eterosessuali”

Uno studio appena pubblicato sul Journal of Developmental and Behavioral Pediatrics ribadisce quello che molti altri studi negli ultimi anni hanno già provato: non ci sono differenze nelle salute mentale ed emotiva dei bambini cresciuti da coppie omosessuali rispetto a quelli cresciuti da coppie eterosessuali.

Lunedì 30 maggio alle ore 18:30 presso il Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli, in Via Efeso 2a (MB Basilica San Paolo), si terrà la seconda riunione delle volontarie e dei

0 commenti

Nessun commento.

Scrivi per primo un commento!