La Corte d’Appello di Trento riconosce il legame tra i figli e il padre non genetico.

La Corte d’Appello di Trento riconosce il legame tra i figli e il padre non genetico.

La Corte d’Appello di Trento riconosce il legame tra i figli e il padre non genetico.

“Ancora una volta i giudici sono chiamati a sistemare quello che la legge non è riuscita a normare e noi speriamo che quello di Trento si solo il primo passo verso il riconoscimento del legame genitoriale anche per il genitore non genetico“ – queste le parole di Mario Colamarino – Presidente del Circolo di cultura Omosessuale Mario Mieli.

“Questa ordinanza apre per la prima volta le porte a un riconoscimento più ampio della genitorialità in una coppia delle stesso sesso e getta le basi per le future richieste di altre coppie” continua Colamarino. “La nostra comunità continua a richiedere gli stessi diritti di tutte le coppie e a piccoli passi le corti e i giudici ci danno ragione. Aspettiamo con trepidazione il momento in cui sarà riconosciuto il matrimonio egualitario, il nostro obbiettivo primario. Allora non serviranno più né giudici, né sentenze”

Contenuti correlati

Discorso finale del portavoce del Roma Pride

Questa è la più scandalosa, baraccona, bellissima e colorata carnevalata che Roma abbia mai visto! Perché sì, il Pride è una grande carnevalata! E noi lo rivendichiamo con orgoglio! Le

Volontari Roma Pride 2016 – Primo incontro

Diventa protagonista del Pride! Comunica la tua disponibilità all’indirizzo mail volontari@romapride.it.

IL ROMA PRIDE “SCOPRE” LA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE

Parte oggi la campagna di comunicazione del Roma Pride 2017 “CORPI SENZA CONFINI“, una campagna visiva nuova e originale per la quale il Coordinamento Roma Pride ha voluto coinvolgere Claudio

0 commenti

Nessun commento.

Scrivi per primo un commento!