La Corte d’Appello di Trento riconosce il legame tra i figli e il padre non genetico.

La Corte d’Appello di Trento riconosce il legame tra i figli e il padre non genetico.

La Corte d’Appello di Trento riconosce il legame tra i figli e il padre non genetico.

“Ancora una volta i giudici sono chiamati a sistemare quello che la legge non è riuscita a normare e noi speriamo che quello di Trento si solo il primo passo verso il riconoscimento del legame genitoriale anche per il genitore non genetico“ – queste le parole di Mario Colamarino – Presidente del Circolo di cultura Omosessuale Mario Mieli.

“Questa ordinanza apre per la prima volta le porte a un riconoscimento più ampio della genitorialità in una coppia delle stesso sesso e getta le basi per le future richieste di altre coppie” continua Colamarino. “La nostra comunità continua a richiedere gli stessi diritti di tutte le coppie e a piccoli passi le corti e i giudici ci danno ragione. Aspettiamo con trepidazione il momento in cui sarà riconosciuto il matrimonio egualitario, il nostro obbiettivo primario. Allora non serviranno più né giudici, né sentenze”

Contenuti correlati

Pioggia di patrocini sul Roma Pride

Il Roma Pride 2017 annuncia i patrocini di Australia, Canada, Delegazione del Québec, Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, Repubblica Federale di Germania e Spagna.             Il

LA POSIZIONE UNITARIA DEL CTP SULL’ADESIONE AL ROMA PRIDE

Molti Pride del 2017 si svolgeranno all’insegna della libertà del corpo, per rivendicare il diritto di scegliere cosa farne, come viverlo, come usarlo, dal modo in cui si può dare

CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DEL ROMA PRIDE 2016

INVITO CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DEL ROMA PRIDE 2016 Roma Pride 2016 “Chi non si accontenta lotta” E’ indetta per mercoledì 1 Giugno, alle ore 12.00,  la Conferenza Stampa di

0 commenti

Nessun commento.

Scrivi per primo un commento!