Istanbul, il Gay Pride sfida il governo: scontri e arresti. Proiettili di gomma contro il corteo

Istanbul, il Gay Pride sfida il governo: scontri e arresti. Proiettili di gomma contro il corteo

Dieci persone sono state arrestate a Istanbul, a piazza Taksim, dove la comunità Lgbt turca aveva organizzato il Gay Pride nonostante il divieto imposto dalle autorità “per ragioni di sicurezza”. La polizia ha adottato rigorose misure all’ingresso della piazza e di Istiklal Avenue, effettuando perquisizioni e sistematici controlli dei documenti.

Ma gli attivisti hanno marciato lo stesso malgrado il grande dispiegamento di forze della polizia. Sono scoppiati anche tafferugli con un un gruppo contrario alla manifestazione. Per sedare la rissa, è intervenuta la polizia che alla fine ha arrestato 10 persone, sette che protestavano contro la manifestazione e tre attivisti. La marcia, che come negli anni precedenti si era attirata le contestazioni di gruppi ultranazionalisti, è stata vietata sabato dal governatore di Istanbul che aveva addotto motivi di sicurezza e di ordine pubblico.

La tensione era altissima sin dal mattino: “Crediamo che la polizia ci disperderà – diceva un portavoce di Kaosgl, tra le principali organizzazioni turche per i diritti della comunità Lgbt – Fuggiremo, ma ci raduneremo di nuovo nelle strade laterali. Poi ci caccerà di nuovo e noi riscapperemo per raggrupparci tante volte quante sarà possibile”.

L’ufficio del governatore, con un comunicato stampa, ha fatto sapere che la manifestazione non è stata autorizzata anche perché gli organizzatori non hanno mai presentato domanda. I funzionari sarebbero venuti a conoscenza dell’evento solo tramite i social network. Un’affermazione che è stata presto confutata dal comitato organizzatore: “Abbiamo avanzato regolare richiesta il 5 giugno 2017 e abbiamo chiesto un incontro con l’ufficio del governatore locale di Istanbul. Nella domanda abbiamo specificato anche giorno, luogo e ora in cui ci sarebbe stata la sfilata.
Gay e Turchia. Secondo una recente ricerca del Centro Pew, quasi l’80 per cento dei turchi ritiene che l’omosessualità sia “moralmente inaccettabile”. Eppure, amarsi tra eguali, in Turchia è legale sin dalla nascita dello Stato, come lo era nel secolo precedente durante l’impero Ottomano. Nonostante ciò incidenti, aggressioni e pesanti discriminazioni nei confronti dei membri della comunità Lgbt sono all’ordine del giorno in molte città, compresa Istanbul, che viene considerata quella più all’avanguardià.

I divieti passati. La marcia dell’orgoglio gay si celebra a Istanbul dal 2003 anche per questo motivo, per sensibilizzare e rivendicare i diritti che ancora non sono stati concessi. Così è stato sino al 2015, quando per la prima volta le autorità proibirono la sfilata e dispersero i partecipanti con gas lacrimogeni. In strada, nei giorni precedenti, erano apparsi manifesti che riportavano la frase “se vedete quelli di Sodoma e Gomorra che fanno le loro cose sporche, uccidete i colpevoli”. A firmare il gesto erano stati i “Giovani difensori dell’Islam”, un gruppo estremista il cui logo, secondo alcuni osservatori, mirava a ricordare quello dell’Isis.

Il divieto, sempre per “motivi di sicurezza”, si è ripetuto nel 2016, a giugno, con la marcia organizzata per i diritti dei transessuali. La stessa che elevò a simbolo della protesta Hande Kader, la transgender divenuta famosa per una foto che la immortalava mentre, risoluta, fronteggiava gli idranti della polizia. Uno scatto divenuto virale, come la notizia, due mesi più tardi, del ritrovamento del suo cadavere, brutalmente mutilato e carbonizzato, abbandonato sul ciglio di una strada.

 

“Vorremmo sottolineare, ancora una volta, che noi non siamo in un posto particolare, in una città particolare. Noi siamo ovunque – si legge sul sito ufficiale dell’Istanbul Pride – Non vogliamo che la nostra voce sia udita solo per un giorno, ma tutti i giorni. Per qusto diciamo anche una volta: fateci l’abitudine, noi siamo qui e non ce ne andremo”.
Comunità e attivisti non ci stanno a rimanere in silenzio. Chiedono a gran voce giustizia. Giustizia contro i crimini di odio. E questa sfilata è anche per lei.
 Fonte: Repubblica

Contenuti correlati

17 maggio 2017 – Chi ha paura di noi?

Il Coordinamento Roma Pride celebra la Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia. L’obiettivo della giornata è quello di promuovere e coordinare eventi  di sensibilizzazione e prevenzione per

I lavoratori della Banca d’Italia aderiscono al Roma Pride

Con grande soddisfazione abbiamo ricevuto l’adesione di SiLaB – Sindacato dei Lavoratori della Banca d’Italia. Si tratta di un’ulteriore conferma di quanto il Roma Pride stia crescendo e stia diventando

Lazio mai visto

Il Roma Pride vi invita a scoprire il Lazio, una regione ricca di storia, cultura, paesaggi. Il Lazio è molto più di una regione: è il nostro patrimonio, la nostra

0 commenti

Nessun commento.

Scrivi per primo un commento!