Approvati i tre decreti attuativi della legge sulle Unioni Civili.

Approvati i tre decreti attuativi della legge sulle Unioni Civili.

Finalmente sono arrivati al traguardo i decreti attuativi sulle Unioni Civili che chiudono il cerchio della legge e del suo inserimento a pieno titolo nell’ordinamento legislativo italiano.

Mario Colamarino, Presidente del Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli precisa:

“Non è solo una questione formale che oggi il Consiglio dei Ministri abbia dato l’ok definitivo ai decreti attuativi.

Infatti finora, attraverso i decreti ponte, molte coppie si sono già unite civilmente, coronando il loro desiderio di avere un riconoscimento di fronte allo Stato, ma con i decreti attuativi vanno a sistemarsi tutta una serie di aspetti non di poco conto che non erano regolati direttamente dalla legge (ad esempio le norme di diritto internazionale privato, di diritto penale, oppure la scelta del cognome e il fatto che per il diritto penale in via definitiva il termine matrimonio si riferisca anche a un’unione civile)”.

“La nostra mission resta quella che ci porta a richiedere con forte convinzione una legge sul matrimonio egualitario, ma siamo anche consapevoli che questa legge, seppure nelle sue lacune e nelle sue mancanze, è un passo in avanti rispetto al trentennale vuoto di diritti per le coppie gay e lesbiche.

Contenuti correlati

Unioni civili, l’appello di Arcigay: “Il Parlamento non umili ancora gay e lesbiche”

Arcigay, attraverso il segretario nazionale Gabriele Piazzoni, ha deciso di rivolgere un appello a tutto il Parlamento italiano.

LA POSIZIONE UNITARIA DEL CTP SULL’ADESIONE AL ROMA PRIDE

Molti Pride del 2017 si svolgeranno all’insegna della libertà del corpo, per rivendicare il diritto di scegliere cosa farne, come viverlo, come usarlo, dal modo in cui si può dare

Unioni civili, migliaia in piazza per Svegliati Italia #svegliatItalia

Mobilitazione in cento piazze in Italia a favore dei diritti del mondo lgbt, lanciata da Arcigay, ArciLesbica, Agedo, Famiglie Arcobaleno e Mit in occasione dell’inizio della discussione al Senato del ddl sulle unioni civili.

0 commenti

Nessun commento.

Scrivi per primo un commento!