Dall’Ambasciata d’Australia il Patrocinio al Roma Pride

Dall’Ambasciata d’Australia il Patrocinio al Roma Pride

Il Coordinamento Roma Pride 2016 è orgoglioso di comunicare di aver ricevuto il patrocinio alla Manifestazione Roma Pride 2016 da parte dell’Ambasciata d’Australia, con l’annuncio dell’eventuale presenza di una delegazione alla parata di Sabato 11 Giugno.

“Il Dipartimento degli Affari Esteri e del Commercio con l’Estero australiano (DFAT) è impegnato a eliminare le discriminazioni e promuovere il rispetto della diversità sul posto di lavoro in Australia e presso le sue sedi diplomatiche nel mondo. L’Ambasciatore designato Greg French è pertanto lieto di concedere il patrocinio dell’Ambasciata d’Australia alla manifestazione Roma Pride 2016 a sostegno dei diritti e delle libertà delle persone LGBT e auspica ogni successo per la sfilata che si svolgerà sabato 11 giugno.”

Sebastiano F. Secci, Portavoce del Roma Pride, afferma che il Coordinamento Roma Pride è estremamente soddisfatto di questo ulteriore patrocinio perchè conferma la dimensione internazionale che la Manifestazione romana ha assunto in questi ultimi anni. Si guarda ormai al Roma Pride come una della Manifestazioni internazionali di rilievo e così tanti patrocini di qualità configurano anche un interesse alle nostre richieste di uguaglianza che anche la politica italiana farebbe bene a prendere in considerazione.

 

Coordinamento Roma Pride

Sebastiano F. Secci – Portavoce
3495826674

Segreteria Organizzativa
065413985 – 3487708437

Contenuti correlati

Madrina Roma Pride 2016: il ciclone Asia Argento con noi in parata

Asia Argento ha accettato senza esitazione l’invito del Coordinamento Roma Pride di essere la madrina del Roma Pride 2016 e sarà presente in parata. Siamo certe e certi che il suo

Roma Pride 2016 ; parte la campagna di comunicazione. Sabato 11 Giugno la grande Parata per le vie della città.

Da oltre venti anni il Roma Pride è l’espressione della lotta che vede unite le persone lesbiche, gay, bisessuali, transessuali, transgender, queer e intersessuali. La sigla lgbtqi che ci contraddistingue

La Corte d’Appello di Trento riconosce il legame tra i figli e il padre non genetico.

La Corte d’Appello di Trento riconosce il legame tra i figli e il padre non genetico. “Ancora una volta i giudici sono chiamati a sistemare quello che la legge non

0 commenti

Nessun commento.

Scrivi per primo un commento!