Attivista gay italiano arrestato in Russia

Attivista gay italiano arrestato in Russia

“È stato arrestato poco fa a Mosca Yuri Guaiana, già Segretario dell’Associazione Radicale Certi Diritti per essersi recato presso la Procura Generale di Mosca a consegnare centinaia di migliaia di firme raccolte contro il trattamento che subiscono le persone gay in Cecenia“. Ad annunciare l’arresto di Guaiana su Facebook è il radicale e leader dell’Associazione Luca Coscioni, Marco Cappato.

Yuri Guaiana e gli attivisti Lgbt Nikita Safronov, Alexandra Alekseyeva, Marina Dedales e Valentina Dekhtyarenko nella camionetta della polizia russa, che li ha arrestati

“Nostro Consolato si sta recando ad assistere Yuri #Guaiana @CertiDiritti fermato a #Mosca mentre consegnava firme petizione su #gay #Cecenia”. Lo fa sapere, via Twitter, il sottosegretario agli Esteri Benedetto Della Vedova, dopo la notizia dell’arresto.

Insiema a Guaiana sono stati arrestati anche quattro attivisti russi che hanno fatto partire la mobilitazione internazionale per investigare e chiudere al più presto i campi di detenzione gay aperti in Cecenia. Si tratta di Nikita Safronov, Alexandra Alekseyeva, Marina Dedales e Valentina Dekhtyarenko. Il gruppo si trovava fuori l’ufficio del Procuratore Generale di Mosca, dove avrebbe dovuto consegnare le circa 400mila firme raccolte a livello internazionale su Change.org.

Sulla piattaforma è stata aggiornata in diretta la petizione con la notizia dell’arresto e una foto che ritrae i 5 sulla camionetta della polizia russa in viaggio verso la stazione di polizia di Tverskoy.

Classe ’74 e attivista per i diritti Lgbt, Guaiana nel 2011 è stato eletto vicepresidente del Consiglio di zona 2 di Milano nelle liste radicali e nel dicembre 2011 è stato nominato segretario nazionale dell’Associazione Radicale Certi Diritti, entrando così nella direzione di Radicali Italiani e nel Senato del Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Trasparito.

Nel 2012 ha ideato la rubrica settimanale Fuor di pagina: la rassegna stampa dell’Associazione Radicale Certi Diritti che ha curato su Radio Radicale fino al 2013. Dall’ottobre del 2012 è anche blogger di Huffington Post Italia. Nell’ottobre 2013 è stato eletto membro del Board di ILGA-Europe, la branca europea dell’Associazione Internazionale di Gay e Lesbiche. Nel febbraio 2015 è stato quindi nominato coordinatore italiano dei membri individuali di ALDE Party, carica tenuta sino al dicembre 2015 quando l’ha lasciata in seguito all’elezione a membro della Steering Committee dei membri individuali di ALDE Party.

 

Pubblicato da Marco Cappato su Giovedì 11 maggio 2017

di Marta Repetto

Notizia: www.adnkronos.com

Contenuti correlati

UK, 1 transessuale su 3 si è licenziato a causa della discriminazione

Uno studio britannico sottolinea che ad oggi circa il 60% delle persone transgender è stato vittima di discriminazione sul posto di lavoro.

Fiaccolata in ricordo degli stermini dimenticati sabato 28 gennaio

28 Gennaio 2017 –  per la Giornata della Memoria Fiaccolata in ricordo degli stermini dimenticati e per l’integrazione della Legge 211 con gli stermini dimenticati dei RTom/Sinti, degli omosessuali, dei

Corte Costituzionale del Perù riconosce matrimoni gay celebrati all’estero

I matrimoni tra le persone dello stesso sesso contratti all’estero devono essere riconosciuti dallo stato del Perù. La settima Corte Costituzionale di Lima è quanto ha stabilito, in una causa che

0 commenti

Nessun commento.

Scrivi per primo un commento!